LA VIOLENZA SULLE DONNE: UN FENOMENO DRAMMATICAMENTE DIFFUSO!

Scritto da Mimom Mag il .

La violenza sulle donne: un fenomeno drammaticamente diffuso. La Dott.ssa Margherita Hassan, psicologa di Mama Chat, ci descrive il quadro attuale.

Ottantotto vittime ogni giorno: questo è quanto emerge dal rapporto Istat 2019 sulla violenza verso le donne. Un fenomeno sempre in crescita e drammaticamente diffuso in tutte le sue forme: fisica, psicologica, economica, sessuale e spirituale.

L’obiettivo è sempre lo stesso, ridurre la vittima in uno stato di dipendenza tale per cui si nega la sua identità. La donna che è vittima di violenza si sente sola, colpevole, prova vergogna, teme di non essere creduta e di essere giudicata. Per questo è ancora più difficile che riesca a chiedere aiuto.

La violenza sulle donne e l’aiuto di Mama Chat

Mama Chat da 3 anni aiuta chi è in difficoltà in maniera semplice ed accessibile. Supporta quotidianamente le donne che vivono in famiglie o con compagni maltrattanti ed è un porto sicuro a cui fare affidamento per uscire da situazioni pericolose. Più di 7000 donne hanno scritto al servizio di chat per essere ascoltate, protette, indirizzate. Il team di psicologhe esperte aiuta a prendere consapevolezza sulla propria situazione, analizzando quei dubbi sulla relazione che tormentano la mente

Violenza sulle donne

Vediamo insieme i vari tipi di violenze, impariamo a conoscerle, in modo da poter farvi fronte.

Violenza fisica

La violenza fisica comprende le azioni finalizzate a fare del male e/o terrorizzare la vittima: aggressioni evidenti, come calci, spinte, pugni, ferite che richiedono cure mediche anche urgenti. E se non bastasse spesso vengono anche rovinati oggetti necessari, documenti importanti, o viene fatto del male agli animali della vittima. Tutti comportamenti che mirano a spaventare e controllare la persona, indebolendola sempre di più fino ad arrivare a possederla nella sua interezza, nel dominarla completamente. Questo tipo di violenza è sempre accompagnata dalla violenza psicologica.

Violenza psicologica

La violenza psicologica è la forma più subdola e manipolatoria, si nasconde silenziosa ma fa molti danni. Si riconosce da alcuni segnali: critiche, svalutazioni su ogni cosa fatta o detta. La vittima si trova a chiedere sempre scusa. Ci sono insulti, umiliazioni sui propri gusti, sulle proprie amicizie, sulla propria famiglia. Nulla si salva dal giudizio negativo o dalla gelosia esagerata, dall’estremo controllo. Possono poi esserci comportamenti aggressivi, minacce, frasi con toni irritati o al contrario una completa indifferenza e silenzio, dove il dubbio attanaglia le proprie insicurezze. Così giorno dopo giorno il senso di colpa pervade la vittima, che alla fine crederà di essere sempre sbagliata e di non valere nulla senza il carnefice.

Violenza domestica

La violenza domestica comprende tutti gli atti di violenza dentro la famiglia o tra partner. Una violenza agita da una persona con cui si ha un legame affettivo e nella maggior parte delle volte nella propria casa, luogo che in teoria dovrebbe essere considerato il più sicuro e protetto. I comportamenti di controllo e di violenza fisica si alternano ciclicamente ad atteggiamenti riparatori di cura e affetto nel tentativo di ritornare alla “normalità” da parte dell’autore. Questo ciclo di amore/violenza aumenta la difficoltà della donna ad allontanarsi dalla violenza, ma il fatto che ci siamo inizialmente innamorate di un partner violento non deve implicare che si sia sbagliate e che le cose non possano cambiare.

Questo aspetto è importante anche rispetto al momento della gravidanza. Un mito diffusissimo ma purtroppo falso, è quello secondo cui la gravidanza protegga dalla violenza e maltrattamenti. Un periodo particolare per la donna in cui aumenta la vulnerabilità a livello fisico, emotivo e finanziario. Un’ulteriore occasione per il partner per affermare agevolmente il suo potere e controllo.

La violenza sulle donne: una donna su quattro è vittima di violenza domestica

La violenza domestica è la seconda causa di morte in gravidanza per le donne di età compresa tra i 15 e 44 anni, e per questo la gravidanza violenta è considerata una vera e propria gravidanza a rischio. Secondo l’OMS 1 donna su 4 è stata vittima di questo tipo di violenza. Le forme più comuni di violenza in gravidanza prevedono azioni fisiche per rimarcare l’indifferenza, il rifiuto, il disprezzo verso la donna e il bambino. Altri comportamenti sono: controllare e/o negare l’accesso alle cure prenatali e gestire le decisioni rispetto al parto, costringere la donna a lavorare durante la gravidanza e/o limitare il suo accesso ai soldi, forzare la partner ad avere rapporti sessuali o colpevolizzarla per l’aspetto fisico poco attraente.

Gli esiti della violenza impattano la salute fisica e mentale della donna. È importante quindi sensibilizzare il più possibile su questo tema, per aiutare tutte le donne a tutelarsi.

Cosa si può fare per proteggersi? Se sei vittima di violenza, qualsiasi forma essa sia, o se hai anche solo il dubbio, rivolgiti a Mama Chat in totale anonimato per un confronto. Le psicologhe ti daranno il supporto, l’ascolto e l’indirizzo giusto per aiutarti nel modo migliore.

Dott.ssa Margherita Hassan

Psicologa di Mama Chat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

(Visited 104 times, 1 visits today)

I NOSTRI PARTNER

  • Mamme in mostra
  • Bim
  • WIND ROSE

    COPYRIGHT © MIMOM MAG

    logo sernicola sviluppo web milano