SALENTO CON BAMBINI: DOVE ANDARE E COSA FARE!

Scritto da Noemi Mazzaroni il .

Salento con bambini, una delle mete più gettonate per una vacanza in famiglia, perché offre veramente tutto ciò che si può desiderare: mare meraviglioso, buon cibo, paesini a misura di famiglia, panorami incantevoli.

Sono rientrata da poco da una vacanza con la mia famiglia e in questo articolo vi consiglio quello che ho amato di più del Salento

Salento con bambini: le spiagge!

La mia preferita in assoluto è quella di Torre Lapillo sul versante Ionico. Il colore dell’acqua non ha nulla a che invidiare a quello delle Maldive e quando si arriva il colpo d’occhio è incredibile. Si raggiunge comodamente ed è servita da alcuni bar in cui ci si può fermare per un panino o un gelato.

Baia dei Turchi

Un’altra spiaggia che ho amato particolarmente è quella, lunghissima, della Baia dei Turchi, questa volta sul lato Adriatico. Raggiungerla è un po’ più difficoltoso, dopo aver lasciato la macchina al parcheggio a pagamento si dovrà procedere a piedi per 15/20 minuti, molti parcheggi però mettono a disposizione una navetta gratuita. Chiedete sempre prima di parcheggiare, soprattutto se avete bimbi piccoli. La spiaggia è splendida e selvaggia ma non è servita, quindi vi consiglio di organizzarvi con acqua e panini in modo da godervi a pieno la giornata, c’è solo un piccolo chiosco che vende bibite e gelati.

Salento con bambini: altre spiagge da non perdere!

Altre spiagge da non perdere sono le famose “Maldive del Salento”, cioè la zona della Marina di Pescoluse. Anche qui il mare è cristallino e il fondale chiaro. Ci sono sia stabilimenti che spiagge libere. Questa è probabilmente la zona più frequentata di tutto il Salento e vi consiglio di andare abbastanza presto perché noi l’abbiamo trovata molto affollata anche a Giugno.

Salento con bambini

Un’altra spiaggia da non perdere è quella di Torre dell’Orso, sul lato adriatico, una spiaggia riconoscibile grazie alle “due sorelle”, due splendidi faraglioni in mezzo al mare che sono il simbolo di questa località. La spiaggia non è molto ampia ed è sempre molto affollata ma il panorama e la bellezza della sua spiaggia vi ripagheranno. Si raggiunge attraversando una pineta in 10 minuti circa. Ci sono lidi molto carini ma la spiaggia libera non è molto ampia.

Ultima, ma non di certo per bellezza, la spiaggia di Punta Prosciutto, sul lato Ionico. Comoda da raggiungere per via del grande parcheggio, è possibile scegliere tra spiaggia libera e stabilimenti. Anche qui consiglio di andare molto presto, soprattutto in Agosto perché è una delle spiagge più gettonate di tutto il Salento.

Cosa fare in Salento con bambini

Noi abbiamo scelto come base Torre dell’Orso, località family friendly perché offre un piccolo centro pieno di ristoranti e cose da fare. Se vi trovate a Torre dell’Orso è assolutamente d’obbligo una colazione alla Pasticceria Dentoni, famosa per i suoi pasticciotti, dolce tipico leccese. Non potete non assaggiare quello ricotta e nutella, una vera delizia. A Torre dell’Orso c’è anche un bellissimo parco giochi, “I Giardini del Sole”, in cui i bambini impazziranno tra giostre, tappeti elastici e mini golf. Mia figlia non se ne voleva più andare.

Porto Cesareo

Se invece siete alla ricerca di un alloggio sulla Costa Ionica vi consiglio Porto Cesareo, un’altra località a misura di famiglia: ristoranti, gelaterie, aperitivi sul mare e passeggiate al porto, non manca nulla, anche se il punto di forza maggiore di Porto Cesareo è sicuramente la vicinanza alle spiagge più belle del Salento.

Otranto

Un’altra località in cui ho decisamente lasciato il cuore è la cittadina di Otranto, un borgo meraviglioso e caratteristico che vi incanterà ad ogni angolo. La città vi accoglierà con l’imponenza del suo castello, il Castello Aragonese. Una volta superato vi ritroverete persi nei suoi vicoli, ancora più magici al tramonto e di sera. Se volete fermarvi a mangiare vi consiglio una sosta da “So fish” per assaggiare il loro ottimo panino col polpo.

Lecce

Una vacanza in Salento però non può dirsi completa senza aver visitato Lecce, detta anche “la Signora del Barocco”. Dopo aver gironzolato per i suoi vicoli e aver ammirato le sue chiese barocche, potete fare una sosta da Caffè Alvino in Piazza Sant’oronzo per assaggiare i loro famosi pasticciotti.

Salento con bambini: stanchi di girare per la città? Ecco alcune alternative!

Se siete stanchi di girare e avete voglia di una giornata spensierata vi consiglio invece lo “Splash”, l’acquapark di Gallipoli. Un parco acquatico bello e curato che tra scivoli, cascate, castelli e attrazioni farà divertire tutta la famiglia. Il biglietto costa tra i 15 e i 18 per gli adulti (in base al periodo) ed è ridotto per i bambini sotto i 130 cm. I bimbi sotto ai 110 cm entrano gratis, In questo periodo l’ingresso è consentito solo ai possessori di Green Pass. Per maggiori info consultare il sito web.

I panorami imperdibili del Salento

Il Salento oltre al mare, il cibo e il divertimento offre anche dei panorami incredibili, alcuni non sono molto conosciuti ma vi lasceranno senza parole.

Cosa fare in Salento con bambini

  • Il Faro di Punta Palascia: Si trova a pochi minuti da Otranto e pochi sanno che è il punto più a Est d’Italia. Per raggiungerlo bisogna camminare per circa 15 minuti. Dal Faro si vede la prima alba del nuovo anno ed è un punto di ritrovo di molti ragazzi la mattina del 1 Gennaio.
  • La Cava di Bauxite di Otranto: La cava si trova a pochi minuti dal Faro di Punta Palascia. Si tratta di un’ex cava di bauxite (roccia utilizzata per l’estrazione dell’alluminio) che nel 1976 è stata dismessa. Al suo interno ha preso vita un laghetto dalle acque color smeraldo. Il colore intenso dell’acqua in contrapposizione con le rocce che lo circondano creano un paesaggio pazzesco che a me ha ricordato i panorami dei parchi americani. Si raggiunge comodamente in cinque minuti dal parcheggio (costo 3 Euro), sono consigliate scarpe da ginnastica. Questa escursione piacerà tantissimo anche ai bambini.
  • La grotta della Poesia: è uno degli scenari più famosi del Salento oltre ad essere una delle piscine naturali più belle al mondo. Si trova a Roca Vecchia, a pochi km da Torre dell’Orso. Non si tratta di una spiaggia e non è possibile stendersi con i teli. L’obiettivo della gita è ammirare la particolarità di questa grotta unica al mondo. Il biglietto costa 3 euro a persona. Consiglio di andarci nelle ore meno calde perché non ci sono punti d’ombra. Alla Grotta della Poesia vige il divieto di balneazione per preservarne la bellezza, che viene però purtroppo ignorato, l’attività preferita dei turisti è infatti lanciarsi nel blu della grotta facendo un bel tuffo di 5 metri.
  • Castro Marina e la Grotta Zinzulusa: Castro marina è un piccolo borgo di pescatori famoso per le sue “barche volanti”. Le imbarcazioni colorate dei pescatori attraccate al porticciolo di Castro sembrano infatti quasi volare adagiate sull’acqua cristallina. Da Castro Marina si può anche prenotare l’escursione in barca alla Grotta Zinzulusa, che si trova a solo 4 km. La grotta può essere visitata oltre che in barca, anche a piedi, come abbiamo fatto noi. La Grotta Zinzulusa è chiamata così perché le stalattiti che pendono dal soffitto ricordano degli stracci appesi, che in dialetto sono chiamati “Zinzuli”. Il percorso per raggiungere l’ingresso della grotta è tutto a picco sul mare e solo quello vale il viaggio. Il biglietto d’ingresso costa 6 euro per gli adulti e 3 euro per i bambini, la visita è guidata e dura circa 40 minuti e si svolge in piccoli gruppi. Necessarie scarpe da ginnastica perché il pavimento della grotta è roccioso è scivoloso.

I bambini si divertiranno sicuramente a vivere questa avventura unica nel suo genere!

Buone vacanze a tutte le famiglie che sono ancora in giro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

(Visited 34 times, 1 visits today)

I NOSTRI PARTNER

  • Mamme in mostra
  • Bim
  • WIND ROSE

    COPYRIGHT © MIMOM MAG

    logo sernicola sviluppo web milano