DISTURBI DEL SONNO DEI BAMBINI: PERCHÈ MIO FIGLIO SI SVEGLIA DI NOTTE?

Scritto da Mimom Mag il .

Disturbi del sonno dei bambini: perché mio figlio si sveglia di notte? Questa è la domanda n.1 che si pongono tutti i genitori soprattutto i primi mesi (ma anche anni) di vita dei propri bambini. Oggi la sleep coach Alexis Granelli ci risponde!

Perché mio figlio non dorme di notte o perché si sveglia di notte? Una domanda che rientra nei classici argomenti legati ai disturbi del sonno dei bambini piccoli. Fondamentale, come dice la sleep coach Alexis, è capire ancor prima di trovare una risposta, come funziona il sonno dei bambini.

Addormentarli in un luogo e spostarli in un’altro…

” Un bambino che non sa addormentarsi da solo, non sa riaddormentarsi da solo”sottolinea la sleep coach.  Il classico esempio che Alexis propone ai genitori a cui offre consulenza è il seguente: immaginate che questa sera andate nel vostro letto e vi addormentate li.  Al primissimo micro risveglio durante la notte, cosa normalissima per tutti i bambini, vi ritrovare improvvisamente in un’altro ambiente, come  per esempio il salotto. Vi ritrovate li senza sapere come ci siete arrivati.

Se il tuo bambino si addormenta in un altro ambiente come per esempio sul passeggino, in braccio, in macchina o mentre lo stiamo allattando o sta prendendo il biberon, e poi viene spostato in un altro luogo, quando si sveglia si troverò indubbiamente disorientato. E si chiederà: ma dove sono? Dove sono i miei genitori? Perché non mi stanno più cullando? E si domanda: ed ora? Cosa faccio ? Come faccio a riaddormentarmi?

Disturbi del sonno dei bambini: micro risvegli e richiesta di aiuto

Una volta sveglio quindi il bambino, consapevole del fatto che non è in grado di addormentarsi ancora da solo, ricercherà la presenza dei genitori, della mamma o del papà attraverso il pianto. E anche se abbiamo addormentato il bambino nel lettone e al suo primo risveglio si ritroverà ancora nel lettone, se noi genitori lo abbiamo addormentato coccolandolo o accarezzandolo o allattandolo, lui svegliandosi, si aspetterà di ritrovarsi nella stessa situazione di quando si è addormentato e quindi con la coccola, o con la carezza della mamma o del papà.

Gli errori più comuni dei genitori: evitiamo di…

I genitori hanno un ruolo fondamentale: aiutare i bambini a trovare la giusta modalità per imparare a scivolare nel sonno in totale autonomia. Pertanto qui di seguito vi elenchiamo tutto ciò che un genitore deve evitare di fare:

  • Addormentare i bambini facendo le coccole
  • Addormentare i bambini allattandoli
  • Addormentare i bambini portandoli nel lettone
  • Addormentare i bambini davanti alla TV
  • Addormentare i bambini in un luogo e svegliarli in un’altro

Disturbi del sonno dei bambini: addormentarsi in autonomia

Secondo Alexis, la chiave per risolvere questa tipologia di problemi è strettamente legata al fatto che il bambino non è ancora capace di addormentarsi in autonomia, ma può imparare. Quando il piccolo imparerà ad addormentarsi da solo, anche quando avverranno micro risvegli durante la notte,  saprà esattamente dove si trova, saprà che si è addormentato da solo, e saprà anche riaddormentarsi senza dover ricorrere all’aiuto dei genitori attraverso il pianto.  Ecco perché il bambino si sveglia durante la notte!

Consigli per aiutare il bambino ad addormentarsi da solo

Noi genitori abbiamo quindi un ruolo fondamentale anche in questo! Dobbiamo portare i nostri figli a capire che per addormentarsi non hanno bisogno dei genitori, ma possono farcela tranquillamente da soli perché l’addormentamento può avvenire in forma autonoma. Questo non vuol dire che dobbiamo necessariamente eliminare la routine notturna come per esempio leggere una favola, dare il bacio della buona notte o tenere accesa la lucina prima di addormentarsi, tutt’altro! Dobbiamo seguire la classica routine pre-nanna, con qualche coccola mentre si legge una favola, una carezza e un bacio della buona notte, e poi pian pianino allontanarsi dalla stanza. Sembra facile a dirlo e difficile a farlo! Ovviamente i bambini piangeranno un pò le prime volte, ma poi pian pianino si abitueranno ad addormentarsi in modo autonomo.

Quindi ricapitolando, al momento di metterli a letto potremmo seguire questi piccoli consigli:

  1. Mantenere un piccolo rituale della buonanotte
  2. Prendere insieme un’orsacchiotto
  3. Raccontare una favola
  4. Una coccola veloce
  5. Un abbraccio e un bacio della buona notte
  6. E salutarli allontanandosi dalla stanza

Quanti anni hanno i vostri piccoli? Si svegliano molte volte durante la notte? Piangono ricercando la presenza di mamma e papà? Raccontateci le vostre esperienze nei commenti e per qualsiasi domanda o dubbio, basterà contattarci anche QUI! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

(Visited 71 times, 1 visits today)

I NOSTRI PARTNER

  • Mamme in mostra
  • Bim
  • WIND ROSE

    COPYRIGHT © MIMOM MAG

    logo sernicola sviluppo web milano